Natura e benessere

Il monte Amiata e i suoi boschi

Il monte Amiata mostra il suo profilo inconfondibile anche a chi lo osserva da lontano: nelle giornate serene lo si scorge anche dalla costa dell’Uccellina e dall’isola del Giglio, dalle colline del Chianti e dalle rocce del Terminillo, dalle acque del Trasimeno e del lago di Bolsena.
Dalla sua vetta, che raggiunge i 1.738 metri di altezza, si gode un paesaggio che racchiude le “grandi emozioni” della toscana: le crete senesi, il mare, le montagne intorno.

Le terme

A pochi chilometri del Convento, è possibile immergersi nelle acque calde e termali, scegliendo, tra le suggestiveTerme di San Filippo,  le raffinate strutture di San Casciano dei bagni, o le antiche e panoramiche terme di Bagno Vignoni.

Itinerari del vino

Per gli appassionati di vini pregiati, il Convento è una tappa ideale per spingersi alla scoperta delle principali località e delle più rinomate cantine di Montepulciano e Montalcino, che si trovano a circa un’ora di distanza dalla struttura, oppure per organizzare, su richiesta, degustazioni di vino con prodotti tipici, all’interno del Convento.

Storia e Cultura

Siena, dopo il Chianti, si è affacciata al sud e ha scoperto la Val d’Orcia: percorrendola tutta si arriva a Pienza.
Dal suo belvedere si vede il profilo del Monte Amiata, che papa Giulio II definì “un’isola di Svizzera in Italia”.
Sull’Amiata in un perimetro che si eleva a circa 800 metri sorge una suggestiva corona di paesini medievali, al limitare della colata lavica, tra cui Piancastagnaio, dove sorge il Convento di San Bartolomeo.